Terzo Settore

stampa
Alle Associazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato (ODV)
Alle Associazioni di Promozione Sociale iscritte al Registro Regionale delle A.P.S.

ATTENZIONE

Il Decreto Legislativo 117/2017 “Codice del Terzo settore”, entrato in vigore il 3 agosto 2017, introduce un'articolata normativa finalizzata al riordino e alla revisione organica della disciplina preesistente in materia di enti del Terzo Settore (compresa quella tributaria) configurandosi come strumento unitario in grado di garantire la “coerenza giuridica, logica e sistematica” di tutte le componenti del terzo settore per sostenere l’autonoma iniziativa dei cittadini che in forma associata, perseguono il bene comune.
Il Registro Unico degli Enti del Terzo Settore (artt. 11- comma 1, 45, 46, 47 48 e 53 del D.lgs 117/2017) , implementato su di un’unica piattaforma nazionale e reso operativo – presumibilmente - entro la fine dell’anno in corso, avrà lo scopo di superare la “frammentazione” dei tanti registri esistenti.
Le Organizzazioni di Volontariato e le Associazioni di Promozione Sociale già iscritte nei registri regionali di proprio riferimento, confluiranno in primis, nel registro unico nazionale e pertanto le stesse dovranno adeguare i propri atti statutari (atto costitutivo e Statuto) alle norme contenute nel Codice D.lgs 117/2017 e ss.mm.ii. entro e non oltre il prossimo 2 agosto 2019.

Al fine di fornire indicazioni operative utili alle associazioni (APS e ODV) ono pubblicati i seguenti atti e documenti di interesse:
  1. D.gls. 117/2017 “Codice del Terzo Settore”;
  2. D.lgs. 105/2018 - “Modifiche e integrazioni al Codice del Terzo Settore”;
  3. Le circolari del Ministero delle Politiche Sociali:
    1. Circolare del 29/12/2017, Prot. 34 con oggetto “Codice del Terzo settore. Questioni di diritto transitorio. Prime indicazioni”;
    2. Circolare del 27/12/2018, Prot. 38 “Adeguamenti Statutari”;
    3. La tabella predisposta dallo stesso Ministero recante gli articoli che le associazioni APS e ODV (già costituite alla data del 2 agosto 2017) dovranno tener presente per l’adeguamento dei propri statuti e/o atti costitutivi;
    4. Schema di riferimento dell’atto costitutivo e dello Statuto di una Organizzazione di Volontariato, redatti in conformità alle disposizioni del D.Lgs,. 117/2017 come modificato e integrato dal D.Lgs 105/2018, al fine degli adeguamenti statutari delle Organizzazioni di Volontariato iscritte al registro regionale delle organizzazioni di Volontariato alla data del 3 agosto 2017 /data di entrata in vigore del Codice del Terzo Settore D.Lgs. 117/2017);
    5. Schema di riferimento dell’atto costitutivo e dello Statuto di una Associazione di Promozione Sociale, redatti in conformità alle disposizioni del D.Lgs,. 117/2017, come modificato e integrato dal D.Lgs 105/2018, al fine degli adeguamenti statutari delle Associazioni di Promozione Sociale già costituite e iscritte al registro regionale delle A.P.S. alla data del 3 agosto 2017 (data di entrata in vigore del Codice del Terzo Settore D.Lgs. 117/2017).
Gli schemi indicati ai punti 3.4 – 3.5 sono pubblicati al solo fine di fornire indicazioni utili sia per l’adeguamento dello Statuto e dell’atto costitutivo delle Organizzazioni di Volontariato e delle Associazioni di Promozione Sociale già iscritte nei registri regionali di riferimento (e costituite prima del 3 agosto 2017) che per la redazione di Statuti e atti Costitutivi conformi al dettato del Codice del Terzo Settore (per i cittadini associati già costituiti ovvero in fase di costituzione in ODV e APS dopo il 3 agosto 2017).
Nelle more dell’organizzazione e funzionamento del Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (artt. 11, 45, 46, 47 del D.Lgs. 117/2017), l’art. 101 commi 1 e 2 del medesimo decreto legislativo 117/2017 come modificato e integrato dal D.Lgs 105/2018, dispone quanto segue:
  • “Fino all’operatività del registro unico nazionale del Terzo Settore, continuano ad applicarsi le norme previgenti, ai fini e per gli effetti derivanti dall’iscrizione degli enti nei registri ONLUS, Organizzazioni di Volontariato, Associazioni di Promozione Sociale e Imprese Sociali che si adeguano alle disposizioni del presente decreto entro ventiquattro mesi dalla data della sua entrata in vigore”;
  • “Ai sensi del comma 3 – art. 101 del predetto D.Lgs. 117/2017 e s.m.i. il requisito dell’iscrizione al registro unico nazionale nell’attuale fase transitoria, si intende soddisfatto attraverso l’iscrizione degli enti ad uno dei registri attualmente previsti dalle normative di settore;
La Circolare del Ministero delle Politiche Sociali e del Lavoro del 29/12/2017 prot. 34, nel fornire le prime indicazioni sulle questioni di diritto transitorio del codice del Terzo Settore (indicate all’art. 101 comma 2 del D.lgs 117/2017 e s.m.i.) specifica che “le iscrizioni agli attuali registri sono regolate dalle norme procedimentali in essere e che la verifica della sussistenza dei requisiti richiesti è condotta sulla base della normativa vigente al momento della costituzione della organizzazione”;
 Quest’ultimo concetto viene opportunamente approfondito nell’ultima circolare dello stesso Ministero delle Politiche Sociali e del Lavoro del 27/12/2018 n. 38 recante “Codice del Terzo Settore – Adeguamenti Statutari” nella quale, ai fini del corretto esercizio dell’autonomia statutaria da parte degli enti del Terzo Settore, in particolare le Organizzazioni di Volontariato e le Associazioni di Promozione Sociale, si richiama quanto previsto dall’art. 101 c. 2 del Codice in parola, in continuità con la prima circolare del 29/12/2017, evidenziando quanto segue:
  • gli enti già costituiti alla data del 03.08.2017, devono effettuare gli adeguamenti statutari entro il 02.08.2019 (entro i ventiquattro mesi dell’entrata in vigore del D.Lgs. 117/2017 ai sensi del comma 2 dell’art. 101). Cifrare la tabella riepilogativa del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociai indicata al punto b); 
  • “gli enti che si sono costituiti a partire dal 3 agosto 2017, sono tenuti a conformarsi – ab origine – alle disposizioni del codice”.
Tali adeguamenti (integrazione statuto e/o atto costitutivo alle norme del nuovo codice del terzo settore) approvati con assemblea ordinaria entro il 2 agosto 2019, non incidono sulla continuità di iscrizione nel registro regionale e sono esenti dall'imposta di registro e di bollo ai sensi dell'art. 82 del D.Lgs 117/2017 e ss.nn.ii. - cifrare la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 158/E/2017

Infine, per quanto riguarda la disciplina fiscale delle ONLUS (di interesse delle Organizzazioni di Volontariato ai sensi del punto 8 art. 10 del D.Lgs 460/1997 e delle Associazioni di Promozione sociale etc.) La stessa circolare del 27.12.2018 del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, evidenzia che tale disciplina, rimarrà in vigore fino a quando non troveranno applicazione le nuove disposizioni fiscali previste dal medesimo Codice del Terzo Settore all’art. 104, commi 1 e 2 che esplicita “le norme di carattere fiscale vigenti prima della data di entrata in vigore del Codice in parola, continuano a trovare applicazione, senza soluzione di continuità, fino a quando non saranno applicabili le nuove disposizioni fiscali ivi previste e- comunque- non prima di un periodo di imposta successivo a quello di operatività del Registro Unico Nazionale (art. 45 D.lgs 117/2017). (A tal riguardo si rimanda al D.L. 148/2017 art. 5 sexties e alle correlate disposizioni relative al codice del Terzo settore contenute nella circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 22 del 14/12/2017).
Si evidenzia, inoltre, ai fini della iscrizione nei registri regionali di proprio riferimento ai sensi dell’art. 101 c. 2 del D.lgs 117/2017 e ss.mm.ii. quanto segue:
Le compagini associative costituite o in fase di costituzione a partire dalla data del 3 agosto 2017 (data di entrata in vigore del Codice del Terzo Settore) devono obbligatoriamente essere in possesso della documentazione statutaria (statuto e atto costitutivo) registrata presso il competente ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate conforme al dettato del Codice del Terzo Settore D.Lgs 117/2017 e ss.mm.ii.

Le Associazioni interessate agli adeguamenti Statutari possono fruire dei servizi di consulenza e accompagnamento erogati dal Centro Servizi per il Volontariato della Basilicata (C.S.V.) consultabili sul sito www.csvbasilicata.it recapito telefonico 0971 274477 – 0835 346167
Il C.S.V. – si evidenzia - ai sensi del comma 6 dell’art. 101 e nelle more dell’attuazione delle procedure di cui agli artt. 61 e successivi del Codice del Terzo Settore (D.Lgs. 117/2017 e ss.mm.ii.) è un Ente accreditato in forza del D.M. 8.10.1997.